Subito dopo gli spaghetti, il piatto di seconda portata a base di carne più noto della cucina italiana, nella sua variante tipicamente romana.

La forma distintiva è quella di fettina stesa, molti però preferiscono arrotolare il composto dando la forma di involtini aperti, farciti sempre e comunque con prosciutto crudo e salvia. La ricetta ha subito negli anni numerose modifiche, in alcuni casi aggiungendo delle varianti come l’infarinatura della fettina di vitello, senza stravolgere però l’essenza dell’originale, caratterizzato da un’estrema semplicità di preparazione, presentazione e gusto.

Ingredienti per 4 persone: 8 fettine di carne di vitello; 8 fette di prosciutto crudo; 8 foglie di salvia; 70 grammi di burro; sale e pepe nero; ¾ bicchiere di vino.

Tempo di preparazione: 30 minuti ca.

Appiattire le fettine di carne di vitello poggiandole su una base o tagliere. Esse dovranno essere molto sottili e non pesare più di 70 grammi l’una. Su ogni fettina dovranno essere stesi il prosciutto e una foglia di salvia, fermando il composto con uno stuzzicadenti. Scaldare in una padella il burro facendolo sciogliere completamente e posizionare gli involtini per la cottura, non superando 3 minuti per ogni fettina e aggiungendo infine un po’ di vino bianco, sale e pepe. Togliere la carne dalla padella e lasciare in posa la salsa rimanente che dovrà essere aggiunta in piatto sopra gli involtini.

Michol D’Antoni

©2020 Un Ospite a Roma - Edito da: Società Cooperativa Romana Chiavi d'Oro a r.l. Via Domodossola, 29 - 00183 Roma - Web Design Marco Bertelli

Log in with your credentials

Forgot your details?