Apertura al pubblico 6, 7, 20 e 21 luglio
Da quest’anno un sabato al mese per passeggiare nel Giardino di Ninfa accompagnati da attori professionisti che racconteranno l’incanto di questo luogo attraverso le parole di poeti e scrittori.

Con otto ettari di giardino e oltre 1300 piante e fiori diversi, magnolie, betulle iris palustri e una incredibile varietà di aceri giapponesi, il Giardino di Ninfa è il Monumento Nazionale per eccellenza della Regione Lazio, un giardino storico di fama internazionale.

Questo complesso deve il suo nome a un tempietto di epoca romana dedicato alle Ninfe Naiadi, costruito nei pressi dell’attuale giardino. Fu l’imperatore Costantino V nell’VIII secolo a concedere a Papa Zaccaria questo luogo fertile che assunse sempre più importanza sia come meraviglia naturale sia come punto strategico, perché permetteva di raggiungere Roma quando la via Appia era ricoperta dalle paludi. Ninfa divenne centro abitato dall’XI secolo e, per oltre sette secoli, godette della protezione dei Caetani, che ampliarono il castello, aggiunsero la cortina muraria, costruirono la torre e il palazzo baronale. La città raggiunse il suo massimo splendore ma, alla fine del XIV secolo, fu saccheggiata, distrutta e mai più costruita. Restano oggi i ruderi e il “giardino delle delizie”, che nobili personalità continuarono a curare nei secoli facendolo giungere a noi in tutta la sua meraviglia.

GIARDINO DI NINFA. Via Provinciale Ninfina, 68 Cisterna di Latina (LT). Orario: 9-12 e 14.30-18 valido solo nei giorni di apertura al pubblico. L’ingresso è regolato esclusivamente da visite guidate. Ogni visita parte dall’ingresso circa ogni 10 minuti. Per ogni fascia oraria possono entrare 300 visitatori. Ingresso: su prenotazione online www.giardinodininfa.eu €15 + €0.50 prevendita online.

Michol D’Antoni

©2019 Un Ospite a Roma - Edito da: Società Cooperativa Romana Chiavi d'Oro a r.l. Via Domodossola, 29 - 00183 Roma - Web Design Marco Bertelli

Log in with your credentials

Forgot your details?